Negano l'esistenza dell'Olocausto Campano

L'Economia muove tutto. Interessi, vite umane, sogni e speranze hanno un senso solo quando l'Economia gliene dà uno. Noi esistiamo, viviamo, procreiamo, mangiamo e muoriamo all'interno di un confine ben determinato che si chiama Economia.
2 aprile 2008 - Sergio Sedia

L'Economia muove tutto. Interessi, vite umane, sogni e speranze hanno un senso solo quando l'Economia gliene dà uno. Noi esistiamo, viviamo, procreiamo, mangiamo e muoriamo all'interno di un confine ben determinato che si chiama Economia.
L'Economia è governata dalla Politica. I Politici danno un valore a tutto, prezzano ogni cosa, cartellinano scientificamente tutto, anche i nostri sogni e i sorrisi dei nostri figli. La nostra vita, ora lo sapete, è un codice a barre.
L'Olocausto Silenzioso che da anni miete vittime innocenti nella nostra terra non esiste.
I rifiuti chimici e nucleari sotterrati dappertutto non fanno male.
La nostra sofferenza è immaginazione.
La nostra paura la chiamano psicosi.
La mozzarella alla diossina fa bene.
Le Bufale contaminate dai rifiuti tossici non esistono.
Le 100.000 pecore ammazzate e poi bruciate perchè portatrici sane di piombo, cromo, arsenico e diossina sono nel vento.
I terreni avvelanati sono un bluff.
I pozzi che ribollono sono fantasie.
Le falde acquifere devastate sono invenzioni.
I medici che ripetono fino alla nausea che i casi di cancro sono terribilmente fuori norma sono dei pazzi impreparati in cerca di gloria.
Chi cerca di fuggire dalla morte chiedendo asilo politico è un comico brillante.
I bimbi morti dopo cicli devastanti di chemio li chiamano "dati statistici nella media".
I bimbi malformati e mai nati li chiamano aborti spontanei.
I nostri genitori, i nostri amici e i nostri cari nonni sterminati dal cancro sono merce antieconomica e fastidiosa che va eliminata dal sistema.
La negazione scientifica della tragedia immane che si è abbattuta su alcune zone della Campania ha una motivazione ben precisa: è una scelta di Politica Economica.
Nove persone su 9, a loro spese, hanno inviato il loro sangue ad un laboratorio canadese per capire se i loro dubbi, i dubbi di milioni di persone, fossero fondati. Il R.I.M del Canada ha sentenziato che queste persone sono gravemente contaminate. Il R.I.M credeva di inviare le risposte a persone ormai morte.
Molte persone che vivono nel Triangolo della Morte, ed in altre zone contaminate, sono gravemente contaminate pur non sapendolo.
Lo Stato non vuole affrontare il problema, non vuole sapendo benissimo che il problema esiste ed è irrisolvibile.
Fare uno screening di massa a milioni di persone è economicamente impossibile e improbabile dal punto di vista organizzativo.
Dallo screning ovvero dalla constatazione di una grave contaminazione di massa emergerebbero 3 gravi macro-problemi economici:

  1. Decontaminazione della popolazione.
  2. Eliminazione della contaminazione ovvero bonifica
  3. Risarcimento danni

Tutti i punti esaminati sono improponibili da un punto di vista economico ed organizzativo e creerebbero, nel caso si volessero affrontare, un dissesto finanziario nazionale di proporzioni colossali.
Nello specifico:
  1. La presenza di diossina e metalli pesanti nel corpo umano si dimezza nell'arco di 15 anni a patto che non si introducano più contaminanti.
    • Non esiste ad oggi nessuna tecnologia che possa raggiungere questo risultato.
    • L'unica alternativa sarebbe un esodo di massa in territori sani.
      Dimezzare i contaminanti significa comunque, nel caso si potesse, esporre le persone per i 15 anni successivi ad una massiccia dose di contaminanti (la metà che non può essere espulsa)

  2. Bonificare un territorio enorme da siti illegali di cui la maggior parte rimarrà nascosta per sempre è impossibile
    • Nell'eventualità che si voglia cominciare una bonifica, l'unica organizzazione che può tentare un intervento, è quella militare;
    • Impossibile sottrarre militari e mezzi per lunghissimi periodi alle attività per cui di norma sono preposti;
    • E' impossibile comunque ripulire le falde acquifere, essendo queste un elemento in movimento;
    • E' impossibile rimuovere " a cucchiaio" milioni di tonnellate di terreni contaminati;
    • E' impossibile smaltire i terreni contaminati.

  3. Il risarcimento danni a persone, enti e organizzazioni che citerebbero lo stato sarebbe un bagno di sangue economico di proporzioni bibliche.

L'economia nazionale rischierebbe di essere azzerata per aver tentato di risolvere qualcosa che non può essere risolto.
Il sistema sanitario collasserebbe così come l'organizzazione militare e finanziaria dello Stato.
A questa tragedia si unirebbe il crollo dell'economia campana, che essendo legata intimamente a quella nazionale farebbe precipitare il PIL con ripercussioni internazionali e mondiali.
L'Europa sanzionerebbe l'Italia per il disavanzo mostruoso, il mondo non comprerebbe più un solo prodotto alimentare campano e l'Italia sarebbe costretta alla Bancorotta.
Negare l'Olocausto, ridimensionare, ridicolizzare e ironizzare è l'unica strategia possibile.
Lo Stato sa bene che così facendo purtroppo ci saranno tante persone che soffriranno negli anni avvenire ma il costo sociale di 20-30000 morti in più rispetto alla media è infinitivamente più basso rispetto alla catastrofe economica irreversibile che l'ammissione del problema comporterebbe.
Questa analisi è lo stessa che lo Stato ha fatto e che ha portato alla dolorosa conclusione che il Dossier Olocausto non esiste.
Ripeto, L'Olocausto Silenzioso che da anni miete vittime innocenti nella nostra terra non esiste.
La nostra sofferenza è immaginazione.
I bimbi morti dopo cicli devastanti di chemio li chiamano "dati statistici nella media".
I bimbi malformati e mai nati li chiamano aborti spontanei.
Ed io sono solo uno sconosciuto che ha denunciato una cosa spaventosa che l'indifferenza e il tempo farà dimenticare.

Sergio Sedia dal Triangolo della Vita Felice

Powered by PhPeace 2.4.1.62