Comunicato Stampa

Incompetenti, imbroglioni ed assassini.

4 marzo 2008 - La Federazione Regionale Campana delle Rappresentanze Sindacali di Base

Con un Decreto improvviso – degno dei migliori prestigiatori – il morente governo Prodi ha stabilito che i milioni di ecoballe accatastate in Campania potranno essere bruciate, prossimamente, nel costruendo Inceneritore di Acerra.

Questa stupefacente decisione contraddice i pareri dell’intera comunità scientifica la quale ha sancito – da tempo – che l’immondizia impacchetta nelle cosiddette ecoballe, essendo monnezza tale e quale e non rifiuti già selezionati e differenziati, non può essere incenerita in alcun modo.

E’ evidente che questo vergognoso atto del governo punta al superamento dell’emergenza/rifiuti a scapito della salute dei cittadini, della sicurezza e dell’integrità del territorio.

Inoltre questa decisione – se diventasse operativa – costituirebbe un’autentica ciambella di salvataggio per Bassolino e per l’intero sistema delle imprese che in questi anni hanno costruito le loro fortune politiche e finanziarie alimentando la truffa delle ecoballe e dell’intero ciclo dei rifiuti basato sui C.D.R. fasulli e sulla costruzione degli inceneritori.

Contro questa grave decisione bisogna mobilitarsi per ottenere l’immediato ritiro del Decreto denunciando questo ulteriore atto autoritario ed irresponsabile a scapito dei cittadini dell’intera Regione Campania.

  • Il plateale fallimento di oltre 14 anni di gestione straordinaria dell’emergenza/rifiuti in Campania dimostra chiaramente che le ragioni sociali dei comitati di lotta e della variegata opposizione a questa antisociale gestione sono sacrosante e giuste.
  • Da questo palese dato occorre ripartire per costruire, con il consenso delle popolazioni, un Piano Rifiuti ecologicamente sostenibile e rispettoso dei territori e dell’ambiente.

La Federazione Regionale Campana delle
Rappresentanze Sindacali di Base
Confederazione Unitaria di Base

Powered by PhPeace 2.4.1.62